Life is now

http://sobreventos.wordpress.com/2007/05/02/Tutto sommato mi piacciono le semplificazioni…. Mi piace molto quella capacità di sintesi che consente attraverso l’ausilio di poche parole di definire un’epoca, gli anni cinquanta quelli della ripresa, gli anni sessanta il boom economico, gli anni settanta, fotografati come anni della contestazione, il decennio degli ottanta definiti anni da bere, i novanta, più confusamente come anni di trasizione alla seconda Repubblica (?), i  duemila, l’universo di Internet, l’informatizzazione di massa. Se negli anni sessanta avevano un sogno, lanciato nell’orbita da Martin Luther King : “I have a dream”, ora abbiamo scoperto che sognare non è più necessario, la vita è adesso:  “Life is now”. La realtà ha sopraffatto il trascendente ( forse le religioni dovrebbero cambiare i loro testimonial ?), quello che conta è se dove mi trovo ora c’è campo…. Tutto è sempre più “secondizzato” a qualcos’altro, c’è sempre qualcosa di più importante rispetto a quello che si sta facendo ora. Anche il futuro è oramai spendibile solo nel presente, mentre il passato esiste unicamente sottoforma di immagini che hanno sempre più soprafatto le parole. Il fascino del tempo è stato vestito di imperfezione, funziona solo nelle sue rivisitazioni vintage in una chiave prettamente immaginifica, idealistica. Solo un appunto personale: in un’epoca di immediatezza si è disimparato a saper aspettare…dopo una frazione di secondo che sei fermo davanti al semaforo verde qualcuno ti suona subito….

 

Martin Luther KIng sitp  stanford.edu

http://it.wikipedia.org/wiki/Martin_Luther_King

Life is nowultima modifica: 2007-09-30T18:45:00+00:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

One Comment

  1. Si ormai abbiamo tutti fretta, non abbiamo più un briciolo di pazienza.
    Napoli si dice “frienne mangianne” (friggendo mangiando- nemmeno il tempo di finire di friggere nella padella che già si è mangiato) questa purtroppo è diventata la società di oggi. Oppure atrodetto – “lievete ‘a nanze che vache e presso” sarebbe
    scansati che vado di fretta.
    Ciao Parra è il caso di dirti un saluto frettoloso??????
    Gabry

Comments are closed.