Quattro finali di storie

Adoro scrivere finali di storie….. che non ho mai scritto, quattro esempi…….

3fe4737fdff03bf7b7b796ff526bae24.jpgL’ultima partita

….Se ne vanno, mano nella mano, con il sole che sforbicia l’orizzonte, lasciandosi alle spalle quel

passato da dimenticare in quell’infinito finito che sta per iniziare.

La vera storia di John Corriere

…..Sospinto dal coraggio e dalla volontà di voler ricominciare, Corriere posò la pistola ancora calda sul sedile, si accese una sigaretta aspirandola intensamente e d’improvviso affondò il piede sul pedale dell’acceleratore e filò via. Una lieve brezza spolverò l’intorno, spargendo nell’ambiente, tra le foglie e le cartacce imbizzarrite anche l’odore dei cadaveri in un caldo silenzio di morte.

 Un retrogusto allo specchio

….Il rumore dei passi, soffocato nel frastuono del traffico rinfrancava Attilio. In quel senso di vuoto e di solitudine liberava la fantasia dalla costrizione della vita. Adoro la fantasia, così qualcuno una volta lo ha sentito urlare per strada, mentre teneva tra le mani una bottiglia di birra. Fu l’ultima volta che si sentì parlare di lui, poi più nulla. Una chiacchiera, un pettegolezzo… niente di niente. Sempre qualcuno ha avuto modo però di scrivere, sul muro di una strada: Attilio Fraschini, un uomo scomparso nella fantasia….

Conati di rapina

…Visto dall’alto sembrava tutto come prima. Il disordine, la sporcizia, il chiasso, la morte, esistono solo da vicino e li vicino c’erano quasi tutte queste cose. Dall’alto in elicottero, anche a loro tutto sembrava il contrario di tutto. La paura era passata, gli restavano solo 10 milioni di euro da spartirsi e il mal d’aria, Gianni stette così tanto male che gli venne da vomitare e non trovò posto migliore che farlo nello zaino con tutti i soldi. Si spartirono anche quello…..

Quattro finali di storieultima modifica: 2007-07-25T17:05:00+02:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

6 Comments

  1. mmm… e chi dice che non siano incipit di storie? (A parte te ovviamente!) 🙂
    Che belli però… non ti viene voglia di scriverle queste storie?

  2. a me sembrano inizi più che finali… fai venire voglia di continuarli… anzi no sei tu che già le hai in mente… mettile nero su bianco oppure fai muovere il cursore ma fa qualcosa dai…
    dicci almeno chi sono le vittimi di Corriere!!!!!!!

    ciao e bravo

  3. forse perchè la fine è sempre un nuovo inizio….. eh.. la leggenda di John Corriere, non si sa bene dove sia finito! Qualcuno giura di averlo visto all’isola di Sal a Capo Verde, preso a ballare la musica di Cesaria Evora, ma è solo un’ipotesi…. chissà. Di quello splendido nome per ora se ne sono perse le tracce….. avrà falsificato il passaporto, già! ciao

Comments are closed.