Giusto in tempo……

Mercalli_smallLuca Mercalli, climatologo, presiede la Società Meteorologica Italiana e dirige la rivista Nimbus . Vent’anni di ricerca sul clima e i ghiacciai delle Alpi occidentali, un territorio che ha imparato a conoscere e studiare proprio negli aspri valloni del Gran Paradiso. Ha curato circa 80 pubblicazioni scientifiche, 600 articoli divulgativi su quotidiani e riviste, incarichi di docenza all’Università e al Politecnico di Torino, 370 conferenze e centinaia di interventi televisivi. Tra i suoi ultimi lavori: «Atlante climatico della Valle d’Aosta», e «I tempi sono maturi» (ed. Vivalda, Torino).

  

La prima domanda che viene spontaneo rivolgere ad un meteorologo è: quanto caldo dobbiamo attenderci per questa estate?

Nessuno lo sa!. Oggi l’ufficio meteorologico inglese ha diramato delle mappe che illustrerebbero un’estate  più calda della media – mentre in questi giorni siamo al freddo – ; si tratta tuttavia di materiali a scopo sperimentale che noi consideriamo come un prodotto per addetti ai lavori. Invece l’informazione li mette subito in prima pagina come se fossero una verità già acquisita. Anche se fa sempre piacere fare gli articoli a scoop, occorre forse valutare questi nuovi prodotti senza dare loro troppa enfasi.

 

A questo punto avrei qualcosa da dire all’ufficio meteorologico inglese….Ma come voi che amato tanto scommettere….ahi, ahi balenghi… Del resto Mercalli era stato assai previdente. Tempo al tempo….  diamogli tempo, al tempo. Si parla tanto di questo tempo, ma nessuno conosce il suo guardaroba… la moda delle previsioni a lungo termine sono un’apologia di reato, dovrebbero essere scritte in qualche genere letterario molto più che in uno scientifico. L’albero della meteorologia è sempre fecondo di previsioni, i suoi frutti crescono in tutte le stagioni, ahimè spesso geneticamente modificati dalla realtà….Forse da quando il sole ha scoperto che parliamo spesso di lui… si è emozionato, magari arrossendo quel tanto da aumentare la temperatura. Lasciamolo lavorare in pace, diamogli tregua, non diciamogli continuamente che è una stella, potrebbe montarsi la testa e fuggire altrove…. magari a “Londra”, dove tutte le stelle del firmamento si installano, come un cilindro nel relativo pistone…..

Giusto in tempo……ultima modifica: 2007-08-09T13:18:04+02:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

10 Comments

  1. Non ne parliamo, delle volte fanno dell’allarmismo inutile, domani ci sarà caldo mostruoso, la protezione civile allertata si raccomandano per anziani e bambini, non ti dico mia madre (87 anni) quando sente queste notizie , giustamente va in paranoia prima ancora che arrivi il caldo vero e proprio.
    Un saluto Gabry

  2. Nella scienza nulla costituisce una verità definitiva e assoluta, tutto può cambiare …il tempo poi è un esempio di mutabilità continua tale che viene il dubbio che mai possa esistere un’affermazione concreta da parte dell’uomo “scientifico”.
    ciao

  3. sai, lascienza è l’arte del tentativo, ogni teoria deve essere suffragata da fatti, e comunque credo che quell che fanno previsioni meteo prima si facciano in vena e po raccontano le loro stramberie sulla meteorologia

  4. è la meteorologia che cammina… il tempo al massimo è solo capace di caderci dentro…. ciao a tutti, a Settembre!
    Tra qualche giorno si posterà “in automatico” un mio racconto.

  5. ciao, ricordo un vecchio proverbio locale che soleva citarmi mia nonna, “Ul temp cumè ul c.. , al fa comè al vor lu ” (mi mancano le dieresi sulla tastiara) tradotto Il tempo e il c… fanno sempre come vogliono…. :-D, buone vacanze a settembre refusi

  6. Una stella nella metereologia è un fenomeno quasi normale ,ma l’apparizione d’una nuova stella potrebbe essere interessante per come evolve nel futuro. Buon divertimento! A dopo. Corinina

  7. Nell’era del Neo MedioEvo (2000-), il senso escatologico ci tiene compagnia come una badante ingrugnata e si mormora che la pizza quattro stagioni sia in pericolo di estinzione…

Comments are closed.