la poesia della terra

 ffbe9e4e3c4dbeb9cb60822529719b74.jpgA Santarcangelo di Romagna, uno splendido borgo nell’entroterra, a un soffio da Rimini…….    le radici di una poesia della terra….

La chèsa de témp

(Il vento. Da dove viene il vento, / dal cielo, dalla foresta, / dal collo dei cavalli / o dalla spada? / O viene invece dal mare / dove lo sentivamo muovere / l’acqua della vita?)  Nino pedretti

 

 Le case delle contrade

Santarcangelo, una collina.
Quando ti svegli la mattina
e ti affacci alla finestra
ti pare sempre che sia festa.
Guardi in su, c’è San Marino
che saluta e fa l’inchino.
Se è bel tempo, senza foschia,
vedi il mare a quattro miglia….
parlo delle case delle Contrade
tutte quelle piccoline,malandate
role grandi sotto i tetti;
erano le case dei poveretti
con lo scolo in mezzo alle stalle
per i muli e le cavalle.
Chi ha potuto se l’è aggiustata;
ma quanta gente e n’è andata!    ( Giuliana Rocchi)

I paragoni di Pidio: ( un vecchio calzolaio)

Alle sette della sera, meglio fare un giro col pane dentro la padella che col cane attorno alla piazza. ( Tonino Guerra)


 

la poesia della terraultima modifica: 2007-09-05T11:40:38+02:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

5 Comments

  1. La poesia è bellissima. Per quanto riguarda il tuo commento devo dire che il tuo dubbio è legittimo, sai leggere e interpretare nei miei scritti ciò che io nemmeno so.
    C.

Comments are closed.