Al ristorante….

Ho domandato solo: dov’è il bagno? Il classico ristorante di mare, al centro una vasca con i crostacei in ammollo, il classico cameriere biancovestito, simpatico quanto serve che ci consiglia esclusivamente piatti di pesce…nessuno oserebbe contraddirlo! Sai che vergogna… Ha quella tipica espressione che surrettiziamente ti suggerisce: non sarai un pidocchio venuto qui a prendere un primo e un’insalatona con acqua minerale e caffé? L’ho sfidato con lo sguardo… no, niente pesce per oggi, a me piace quello surgelato, immagino che voi avete solo pesce fresco….. Mi ha guardato come un puntino guarda amorevolmente la sua virgola: noi abbiamo solo pesce fresco, ha risposto. Bè, io prenderei un piatto di trenette al pesto per il momento, eh… mi scusi dov’è il bagno? Quindi, mi dirigo verso il bagno con quel sorriso estivo di chi l’ha detta grossa, apro la porta e…….   quell’odore che potete facilmente immaginare. Un filtro dell’aria a dir poco deficitario e la musica, già, la musica, nell’angolo in alto c’è una cassettina da cui fuoriesce del rap nostrano. Niente deodoranti, niente filtri sanitari, nemmeno una finestra per arieggiare, solo la musica, ah.. dimenticavo come equalizzatore un pulsante dello sciacquone. Evidentemente confidavano nell’odore della musica ?  Per la cronaca le trenette al pesto non erano male, malgrado la cucina distava solo pochi metri dal bagno.

 

Al ristorante….ultima modifica: 2007-09-09T16:52:04+02:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

8 Comments

  1. Ahhh…si, capitano un po’ a tutti quelle situazioni….ci vogliono imporre una vita convenzionale che non è nemmeno perfetta come cercano di farci credere….cmq grazie 1000 per il consiglio…leggerò il libro che mi hai detto…non so quando perchè sto leggendo già 4 libri contemporaneamente ed è meglio che prima finisca qst cmq lo farò…ciao!
    Ale

  2. @ Obelix: eh… l’indizio del pesto… sì ero in Liguria
    Grazie Pony, per fortuna alcuni odori hanno vita breve…. quindi “sgualciscono” ben poco.

  3. Ciao Parra, io che sono un’assidua frequentatrice di toilette pubbliche ho imparato a giudicare i locali da come son tenuti i bagni. Quello che penso è che chi ha cura della cucina è evidentemente interessato ai suoi bisogni, mentre chi ha cura per la toilette ha a cuore anche i bisogni degli altri, e allora merita la mia stima e il mio sigillo di qualità o) Buona giornata….Daniela

  4. Solo pesce surgelato? sei un mito! del tipo cose troppo sane?no grazie, potrebbero darmi assuefazione. Forse contavano che le vibrazioni musicali incanalassero gli odori gentilemnete verso l’uscita.

Comments are closed.