Ogni due settimane scompare una lingua

fcfaab8783c7fad46789a0f7fafd2912.jpgHo letto di uno strano studio il quale rivela che ogni due settimane scompare una lingua. No, nessun intervento chirurgico, parlo di un idioma, di un magma di vocaboli, quindi ogni due settimane scompare uno di quei tomi che noi tutti chiamiamo unanimemente vocabolario. Chissà che ne pensa il mio vecchio Zanichelli, ossigenato dal tempo molto più che dall’uso, è della fine degli anni settanta, regalo di nonna. All’epoca i computer erano ancora dei grandi armadi, c’era solo un “Piccolo grande amore”, che furoreggiava alla radio, il mio vocabolario era l’amico intelligente che mi sorvegliava mentre facevo i compiti. Buffo, ora mi sorveglia nello studio mentre cazzeggio alla tastiera…. Ho letto sempre in questo pancreatico studio, che alcune lingue se ne vanno quando muore l’ultima persona capace di parlarla, si parla prevalentemente di lingue indigene, ma poi chissà…. Chi sarà l’ultimo italiano a parlare l’italiano sicuramente entrerà nella storia, magari un portuale, un operatore ecologico, un ex rugbista,o magari un tassista finirà per essere l’ultimo ad aver tenuto in vita la lingua italiana. Se il padre della nostra lingua è stato Dante, l’ultimo mentore potrebbe essere magari un certo Ciro, o Alfredo, Carlo, Vinicio…..  fate voi. 

Ansa _ 

Ogni due settimane scompare una linguaultima modifica: 2007-09-20T16:35:00+02:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

5 Comments

  1. Se adesso nelle scuole incominciano ad accettare tutte quelle abbreviazioni che i ragazzi di oggi scrivono quando mandano gli sms, e poi li leggi anche nei blog, non manca mica tanto a stravolgere un intero idioma.
    Ciao Parra buona serata ( ma no che dico sicuramente ti rileggerò) Gabry

  2. Però che buffi questi linguisti: per secoli hanno dibattuto l’utilità d’un idioma universale e ora si preoccupano della scomparsa delle lingue che non vengono più parlate…

    🙂

  3. Tu sei stato a scomparire.Per le lingue e i dialetti e gli slag,pazienza.Ti ho cercato come una matta e finalmente oggi ritrovo la traccia.Sono contenta e ti saluto con entusiasmo.

    Cristiana

  4. Ciao Parra, purtroppo i riflettori su quella realtà non sono mai stati accesi come si deve, e i mass media quelle vicende le hanno raccotate poco e male…Un caro saluto. Carlo.

Comments are closed.