Venti di profumo..

Dior j’adore, Egoiste di Chanel, Light Blue di D&G, Acqua di Giò, Giorgio Armani… profumi di una grammatica, un coacervo di marketing concettuale, una poetica subliminale che irradia una luce nel quotidiano traffico olfattivo, in grado di lasciare un segno riconoscibile.

Pensare che la prima volta che mi sono consapevolmente profumato avevo 13 anni, mi ero asperso nei vapori di un deodorante Denim Musk, al tempo molto in voga. Non pensavo al marketing concettuale, volevo semplicemente valorizzarmi, come facevano gli amici più grandi. Il passo dal deodorante al profumo non è stato breve, sono passati molti anni e si è compiuto grazie al regalo di un profumo Enrico Coveri. L’esperienza olfattiva è stata molto più che “nebulizzante“… se l’afflato con il deodorante svaniva dopo poche ore, il legame con il profumo durava quasi tutta la giornata, era come un amico sempre vicino. Un legame olfattivo che sentivo nobilitarmi, che garantiva un tono ed una sicurezza e che marginalizzava i miei dubbi di ragazzino. Negli anni ho cambiato profumi, deodoranti, fidanzate e lavori, alternandoli a seconda dei di periodi di penuria economica, il profumo del denaro spesso coincide con quello che abbiamo addosso…

L’odore dei soldi è tutto in certe papille, o meglio parcelle olfattive, il profumo precede sempre, il deodorante giustifica, il profumo è circuitante, è un parco giochi in cui parcheggiare parte dei propri sensi, è il frangente di un’onda d’urto….

Venti di profumo..ultima modifica: 2007-10-28T18:10:00+01:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

11 Comments

  1. Io ho tre profumi che uso a seconda del luogo in cui mi devo recare e delle persone che devo incontrare. Non mi piacciono gli aromi troppo intensi, amo quelli delicati, il profumo deve appena riconoscersi, invece molti si innondano rendendosi semplicemente ridicoli. Rido perché penso ad alcuni soggetti di mia conoscenza. “Il frangente di un’onda d’urto” me lo segno proprio, complimenti Parra.

  2. Bè che aggiungere.?? Rispetto… si per me il profumo è rispetto per me e per gli altri. Anche perchè parafrasando… il soldi non comprano tutto, che che se ne dica. Grande parra!
    Anche perchè leggendo il post e qiesto commento… a buon inteditor poche parole!
    Il cambiamento è sempre positivo… l’evoluzione è inebriante.
    P.S. Ti do una chicca: se vuoi un mio amico confeziona profumi: li fa su misura, con essenze naturali e olii essenziali al 25%!!! e su tua richiesta. Se hai necessità fammi sapere! 😉 Ciauzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz!

  3. Il profumo è l’unico segno distintivo che considero veramente importante, quello che fa la differenza, anche con una donna spesso..
    L’orologio o il braccialetto d’oro possono passare in secondo piano, il profumo è un qualcosa che valorizza e rende unica una persona, è fondamentale.
    Chiaramente la scelta deve essere meticolosa.
    Consiglio?
    Andare a più riprese in una profumeria e provare e riprovare il profumo che risalta maggiormente a contatto con la pelle.
    Ciao,
    Doc

Lascia un commento