Squilibri urbani

a38e44ad0b435ab43d566a1836f2c470.jpgTutta mia la città… un deserto che conosco, tutta mia la città, questa notte un uomo piangerà!

Canta Giuliano Palma e Bluebeaters, cover degli “Equipe84”, mentre “Le mani sulla città”, era uno splendido film di Francesco Rosi, ed ecco l’ultimo libro di Curzio Maltese, “I padroni della città”.

Sito della Feltrinelli sul libro: Curzio Maltese insegue immagini che schizza con rigore e pertinenza, al di là dei cliché e del giornalismo passivo. Insegue personaggi, li tallona, li fa parlare sia quando vogliono, sia quando si oppongono. Percepiamo nell’insieme una testimonianza presa dal vivo, capiamo chi sono i padroni e come sono modellati i servi.

Ho sempre trovato molta affinità tra i paesaggi urbani e i nostri “paesaggi” interiori, quel filo di raucedine, quelle nequizie metropolitane che nascono nelle città è come se nascessero dentro noi tutti che vi abitiamo. Calpestano la nostra anima così come noi calpestiamo il suolo pubblico, il mal governo dei comuni riflette una salute precaria della società, un inquinamento sconfinante, una corruzione dilagante. Le menti dei dirigenti locali sono spesso “urbanizzate” alle più spregevoli nefandezze, con i paesaggi metropolitani che dissolvono quei sani principi di accoglienza, per immolarsi all’ombra del dio denaro. Il prezzo delle città ha soverchiato il prezzo della vita che si pensava non avesse prezzo, ergendo quelle barriere invisibili che hanno contribuito a dividere la società, a frammentarla, creando ancor più i presupposti degli squilibri urbani… Ma come sempre responsabilità sono nel sottosuolo della politica.

Tutta mia la città: http://www.youtube.com/watch?v=nRz6qNPDyy8

Squilibri urbaniultima modifica: 2007-11-03T11:20:00+01:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

9 Comments

  1. dovrò leggere il tuo libro,scrivi in modo inquietante..ma devo farlo..sono curiosa ormai..
    si,siamo nuvole, il vento degli eventi ci trascina,e non sempre dove vorremmo..
    beh che dirti,a volte la stanchezza non lasci apsazio più agli entusiasmi dell’ anima…
    e allora seguo le correnti…..
    nel personale,ovvio..per resto non voglio arrendermi…
    un caro saluto e grazie del passaggio….
    mi ha fatto piacere…

  2. Tutto quanto da te scritto in poche righe, ne ho personalmente sottolineato nefandezza e mercificazione aggiungendo molto altro e soprattutto indicando i punti di partenza e le evoluzioni sopravvenute, nella mia Società liquida presentata come tesi alla mia laurea ed ottenendo l’approvazione della commissione per il coraggio avuto nel denunciare particolari situazioni; tutti dovrebbero conoscere il perchè ci troviamo in una società mercificata, labile , soggettivamente calpestati da ciò che pensiamo sia colpa della nostra inabilità o incapacità. e invece frutto della corruzione mascherata da buonismo di governi indifferenti e pronti a tutto per il potere e il denaro, frutto di una ragione strumentale che prevaricando su una ragione razionale, produce tra l’altro un individualismo vissuto tra conflitti interiori producendo solitudine e miseria. Ciao

Lascia un commento