Mangiadischi….a tradimento

93dfdb2c0b41bb936d6cfc2c350d4083.jpgHo letto la provocatoria proposta rivolta alle aziende discografiche da parte di Ernesto Assante, su Repubblica.it: ridateci il vinile! La crisi dell’industria discografica è fisiologica, com’ è stato per l’industria manifatturiera, tessile…. ma non per questo si sono fatti passi indietro. La musica si scarica dalla rete, è inevitabile, come lo sarà in futuro sempre più per il cinema e per l’editoria. Gli acquisti saranno sempre più on-line, per strada non dovranno più circolare camion carichi di quotidiani, riviste, cd, dvd, basta! Anch’io ho adorato il vinile, il design dei grammofoni, sono figlio dei mangiadischi anni 70 e non sono schiavo della tecnologia, non mi farei mai “tumefare” musica nelle orecchie con degli stetoscopici auricolari. Esistono i musei dove è possibile custodirne ed illustrarne la fascinazione. Della crisi dell’industria discografica non può farsi carico la collettività, intanto molti cd continuano a costare 15-20 euro…. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

articolo :  http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/spettacoli_e_cultura/vinile-assante/vinile-assante/vinile-assante.html

Commenti, messaggi, solo nel guestbook   (link)

Mangiadischi….a tradimentoultima modifica: 2007-12-19T11:35:00+01:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento