Il controcaffè di oggi, Lonely Planet e Calatrava

39aec451665670642c7d7884ce10f1c6.jpgCrollano le certezze, anche le guide lonely_planet_ sono da prendere con le pinze. Il caso di un loro collaboratore che ha ammesso di non essere andato in Colombia, ma semplicemente si è fatto raccontare qualcosa da una pollastrella del posto. Il novello Salgari si è piazzato davanti alla tastiera e ha partorito le sue pagine guida, forse dal sapore più romanzesco che turistico, ma tanto che importa, oramai a crollare sono le certezze, forse perché non sono costruite con criteri culturalmente antisismici, al loro posto, a unire presente e futuro ci pensano i ponti. Sono le certezze architettoniche del ventunesimo secolo, una nuova religione trascendentale, su tutti il ponte di Calatrava a Venezia, sostenuto da un complesso sistema di dubbi e domande ad incastro del tipo, che cazzo ci fa una cosa del genere a Venezia? Il nuovo ordine è stupire, “giapponesizzare” il mondo di oggetti, riempire i pixel degli apparati fotografici, che oramai stanno per diventare i nuovi guardiani del mondo. Il pensiero sta per essere sostituito dall’immagine, perché tutto ciò che non lascia traccia non esiste e il punto di tutto questo… prima o poi sarà fotografato.

fotovignette-del-parra

———————————————————————

guestbook

Il controcaffè di oggi, Lonely Planet e Calatravaultima modifica: 2008-04-18T17:00:00+02:00da ilparra
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento